ORARIO SANTE MESSE

Città

Parrocchia

In Primo piano

Nomina amministratore parrocchiale a San Dalmazzo
con nota di commento del Vescovo

In data 25 gennaio 2015 il Vescovo ha preso pubblicamente atto dell’intenzione di don Claudio Cavallo, parroco della Parrocchia di San Dalmazzo in Borgo San Dalmazzo (CN), di avviare la procedura per richiedere la dimissione dallo stato clericale. Di conseguenza, in attesa di definirne ulteriormente la posizione canonica e in accordo con lui, lo ha sospeso dall’ufficio di parroco della Parrocchia di San Dalmazzo, a partire dal 28 gennaio 2015, e ha nominato amministratore parrocchiale di tale parrocchia don Roberto Mondino, con decorrenza dalla medesima data, con il quale continuerà a collaborare il vicario parrocchiale don Roberto Durbano.

Il Vescovo ha quindi trasmesso la seguente nota di commento:

Oggi, 25 gennaio, al termine della Messa domenicale don Claudio Cavallo ha salutato la sua comunità parrocchiale, comunicando di lasciare il suo ministero sacerdotale. La decisione, maturata a lungo e concordata con il Vescovo, è stata una scelta sofferta, vissuta con sincerità e dettata da coerenza con il suo nuovo orientamento di vita.

Siamo grati per il generoso servizio reso da don Claudio nella nostra Chiesa, in Camerun e in particolare nella parrocchia di San Dalmazzo.

Se da una parte restano il dolore e l’amarezza del presbiterio diocesano e delle comunità che lo hanno conosciuto ed apprezzato, dall’altra Claudio continua ad essere figlio di questa Chiesa e nostro fratello che amiamo. Sono certo che la sorpresa suscitata dalla sua scelta si trasformerà in comprensione e preghiera.

mons. Giuseppe Cavallotto, Vescovo

Visualizza Dettaglio
Sapori del racconto biblico
Dal 26 al 30 gennaio si svolge la settimana residenziale di formazione

Settimana rivolta ai sacerdoti e ai diaconi,
aperta ai laici e alle religiose

 

Dove?
Soggiorno "Don Orione"
via Divina Provvidenza 1 - Diano Marina (IM)
 


 

Programma
La settimana si articola in relazioni frontali e laboratori a gruppi. Lo scopo è aiutare i partecipanti a mettersi in ascolto della Scrittura e, in particolare, ad approfondire la lettura narrativa. Celebrazioni liturgiche, la preghiera comunitaria e la quotidiana lectio divina alimentano l’esperienza fraterna e spirituale.

 

Altre informazioni
Partecipazione finanziaria
-    Iscrizione: 50 € per tutti i partecipanti
-    Vitto e alloggio: 220 € (per i sacerdoti); 150 € (per religiose e laici)
-    Supplemento camera singola: 20 €.

L’iscrizione va fatta presso le rispettive Curie di Cuneo e di Fossano entro sabato 17 gennaio versando la quota di iscrizione di € 50,00.

Segreteria organizzativa: Don Mauro BIODO  (338 8652306).

 

Articolazione delle giornate

26 gennaio: lunedì
Ore 10,00: Saluto e introduzione - S.E. Mons. CAVALLOTTO Giuseppe, Vescovo di Cuneo e di Fossano
Ore 10,30 Lezione: I metodi della lettura credente della Scrittura – don Mariano BERNARDI, biblista
Ore 15,30 Introduzione ai laboratori: Alcune chiavi per la lettura narrativa – don Mariano BERNARDI

 

27 gennaio: martedì
Ore 09,15 Lezione: Introduzione al Salterio come libro – Donatella SCAIOLA, biblista
Ore 11,00 Lezione: Uso dei Salmi nell’esperienza credente – Donatella SCAIOLA
Ore 15,00 Lezione: Analisi narrativa: proposte operative – don Gianluca CARREGA, biblista
Ore 16,30 Laboratori – don Mariano BERNARDI e don Gianluca CARREGA

 

28 gennaio: mercoledì 
Ore 09,15 Lezione: Un tema teologico che attraversa trasversalmente la Scrittura: la lite
bilaterale (rib) – Donatella SCAIOLA
Ore 11,00 Lezione: Esempi di lettura tratti dall’Antico e dal Nuovo Testamento – Donatella SCAIOLA
Ore 17,00 Laboratori – don Mariano BERNARDI e don Gianluca CARREGA

 

29 gennaio: giovedì
Ore 09,15 Lezione: I dieci comandamenti (Es 20,1-17): dono e sfida – don Michelangelo PRIOTTO, biblista
Ore 11,00 Lezione: La figura di Mosè: storia e rilettura identitaria – don Michelangelo PRIOTTO
Ore 15,00 Ripresa dei laboratori – don Mariano BERNARDI
Ore 16,30 Conclusione dei laboratori – don Mariano BERNARDI

 

30 gennaio: venerdì
Ore 09,15 Lezione: La Bibbia: un libro bello. L’estetica biblica – don Michelangelo PRIOTTO
Ore 11,00 Conclusioni

 

Visualizza Dettaglio
Sinodo sulla Famiglia 2014-2015
Entro il 15 febbraio è possibile inviare il proprio contributo

La Santa Sede ha inviato alle diocesi di tutto il mondo la Relatio Synodi, relazione finale del Sinodo straordinario sulla famiglia del 2014, che si trasforma così in documento di base per il Sinodo ordinario del 2015, accompagnata da un questionario in 46 domande.
Quanti desiderano partecipare, in forma individuale o di gruppo, a questa ampia consultazione, possono scaricare qui sotto il questionario (compilabile, in formato word) con il testo delle domande ed inviare le risposte via email a ufficiofamiglia@diocesicuneo.it entro e non oltre il 15 febbraio.
Sono proposte 46 domande ma, come indicato nelle avvertenze dello stesso questionario, non necessariamente si deve rispondere a tutte; l’importante è attenersi alla specificità della singola domanda.
Verrà preparata una sintesi diocesana dei contributi pervenuti, da sottoporre ai partecipanti in un incontro ai primi di marzo, prima di consegnarla al nostro Vescovo per l’inoltro definitivo alla CEP.

Visualizza Dettaglio
Quaresima 2015
Un'iniziativa della Pastorale Ragazzi

GESÙ: IL VOLTO UMANO DI DIO

Una delle parti certamente più importanti del nostro corpo sapete qual è? È il volto. Il nostro volto, infatti, con il naso, la bocca, gli occhi, fin dalla nascita dice chi siamo ed è quello spazio preciso della nostra persona da cui nascono lo sguardo e la parola.
Sempre, fin da quando eravamo piccoli, per entrare in relazione con un’altra persona (un amico, mamma e papà, chi conosciamo o chi ci è estraneo) prima di ascoltarla noi la guardiamo e, in particolare guardiamo il suo volto. E il volto dell’altro che sta di fronte a noi attira il nostro sguardo o lo respinge; accende in noi il desiderio dell’incontro o del rifiuto.
Se leggiamo la Bibbia, il libro della nostra fede, scopriamo che l’uomo “fatto a immagine e somiglianza di Dio” (Gn 1,26) non può pensare a Dio, se non immaginando che abbia un volto. Per l’uomo cercare Dio è soprattutto cercare il suo volto. Eppure, ecco la cosa strana: il volto di Dio non può essere visto. Se leggiamo le storie di Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosè e di tanti altri personaggi dell’Antico Testamento, ci accorgiamo di come il desiderio di vedere il volto di Dio è presente nel loro cuore: tutti riconoscono che Dio ha un volto ma, purtroppo, non lo fa vedere, perché con loro si limita semplicemente a parlare.
Ma ecco la cosa sorprendente: ad un certo punto della storia, Dio decide di rivelare (cioè far vedere, svelare) il suo volto. Davvero? Ebbene sì, Dio si fa vedere in un volto umano: quello di Gesù di Nazareth, il figlio di Maria e di Giuseppe, il “Dio con noi” (Mt 1,23). E i quattro Vangeli, che sovente leggiamo, ci raccontano il volto di Gesù attraverso gli incontri che ha vissuto, le parole che ha pronunciato, i gesti che ha compiuto: “noi lo abbiamo visto, i nostri orecchi hanno udito, le nostre mani lo hanno toccato” (cfr. Gv.1,1) diranno i suoi discepoli (coloro che hanno vissuto per tre anni con lui notte e giorno) dopo la sua morte e risurrezione.
Dio, dunque, ha un volto, un volto che parla, un volto da cercare, incontrare e contemplare in un corpo di uomo: l’uomo Gesù.
E allora, in questo tempo di Quaresima, a partire dai Vangeli domenicali, vogliamo scoprire alcuni tratti del volto di Gesù che ci aiutano a capire chi è Dio e quanto Dio ci tiene alla nostra vita e all’amicizia con noi. Teniamo fisso, quindi, in questo tempo, il nostro sguardo sul volto di Gesù: l’unico che può dare senso alla nostra vita e rendere bella e vera la nostra fede.

 

Visualizza Dettaglio
Mons. Natalino Pescarolo è tornato al Padre
Il Vescovo emerito di Cuneo e di Fossano è morto domenica 4 gennaio

Domenica 4 gennaio 2015 è morto mons. Natalino Pescarolo all'età di 85 anni. Le esequie sono state celebrate mercoledì 7 gennaio alle ore 10 nella Cattedrale di Cuneo, con grande partecipazione di vescovi, presbiteri, diaconi, religiosi e laici. La salma di mons. Pescarolo è stata infine tumulata nella cripta della stessa Chiesa Cattedrale.

 

Mons. Natalino Pescarolo è nato a Palestro (PV) il 26 marzo del 1929 ed ha compiuto i suoi studi nel seminario di Vercelli.

Ordinato sacerdote nel 1952 ha svolto la sua attività pastorale in quella diocesi e da ultimo quale prevosto di Robbio Lomellina. 

Nominato Vescovo ausiliare di Cuneo e amministratore apostolico di Fossano il 7 aprile 1990, venne consacrato vescovo a Vercelli il 5 maggio 1990 da mons. Albino Mensa. 

Il 4 maggio 1992 è stato nominato Vescovo di Fossano e il 1 febbraio 1999 è stato nominato anche Vescovo di Cuneo, mantenendo entrambi gli uffici fino al 24 agosto 2005, quando la sua rinuncia è stata accettata.

Visualizza Dettaglio
SEGRETERIA E AMMINISTRAZIONE
Via Roma, 7 - 12100 Cuneo
Tel. 0171 693 523 - Fax 0171 602 565
E-mail info@diocesicuneo.it

NEWS DAGLI UFFICI PASTORALI

NEWS DALLA CARITAS