NEWS DALLA CANCELLERIA

In Primo piano

FESTA DIOCESANA DELLA FAMIGLIA
Famiglie "in uscita", famiglie in cammino

NB: Per info sulla festa diocesana (confermata) telefonare a Tommy 3475319786.
E' invece rinviato a Domenica 3 Giugno il pomeriggio di FAMIGLIA SEI GRANDA.

 

In quest’anno dedicato al tema diocesano dell’uscire, il consueto appuntamento diocesano per le famiglie (domenica 13 maggio) ripropone la semplice ma apprezzata formula degli ultimi anni: il camminare insieme. Una passeggiata/pellegrinaggio nella quale si rifletterà, in modo metaforico ed originale, su alcuni aspetti dell’essere “in uscita”, tema pastorale di quest’anno.

 

Il percorso, adatto anche a carrozzine e passeggini, parte davanti al Duomo di Cuneo (ritrovo alle 9.30), dopo un breve saluto e benedizione del Vescovo, e si snoda per 4 km nella natura, lungo la pista ciclabile del Parco Fluviale (lato Gesso), fino ad arrivare al santuario di Madonna degli Angeli e concludersi nell’adiacente parco di Villa Parea (in viale F.Mistral 11, Casa di Riposo delle Suore di San Giuseppe); alle ore 11.30 ci sarà la S.Messa all’aperto nel parco, animata dalle famiglie, e poi il pranzo al sacco. 


I genitori che non vorranno fare ritorno a piedi potranno, grazie ad alcuni mezzi messi a disposizione, farsi portare a prendere l’auto per tornare a recuperare il resto della famiglia. In caso di pioggia la passeggiata non si svolgerà e l’appuntamento sarà nella chiesa della parrocchia di San Paolo per la S.Messa delle ore 11 e pranzo al sacco nel salone sottostante.

 

Alle ore 14.30, sempre all’insegna dello slogan “Famiglia sei Granda”, si riproporrà, quest’anno nel salotto di via Roma e piazzetta Audiffredi, un pomeriggio di festa e intrattenimento per grandi e piccoli, con giochi, attrazioni, musica e laboratori. Maggiori dettagli sul ricco programma del pomeriggio su www.famigliaseigranda.it

 

Visualizza Dettaglio
Veglia di Preghiera per la Siria


Quello in corso in Iraq e Siria è uno «dei drammi umanitari più opprimenti degli ultimi decenni» tale da produrre un «oceano di dolore» che colpisce in special modo i più poveri, le donne, i bambini, gli anziani. Non solo: «In Siria e in Iraq, il male distrugge gli edifici e le infrastrutture, ma soprattutto la coscienza dell’uomo». (Papa Francesco)

 

La diocesi di Cuneo si troverà a pregare per la pace Venerdì presso la Parrocchia del Sacro Cuore, aiutata dal coro Pacem in terris.

Visualizza Dettaglio
Incontro con il missionario della Consolata Padre Giorgio Marengo
Un'iniziativa del Centro missionario in collaborazione con la Commissione per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso

Aula Magna del Seminario  - 16 aprile 2018
DIVENTARE CRISTIANI IN UN PAESE BUDDISTA
I missionari e le missionarie della Consolata hanno cominciato a lavorare in Mongolia nel lontano 2003. Successivamente, nel corso del 2006, due padri e tre suore della Consolata hanno aperto una nuova missione ad Arvaiheer (capoluogo della Provincia e distante 430 chilometri da Ulaanbaatar, la capitale) ottenendo dalle autorità locali il permesso per svolgere liberamente attività religiose nella regione di Uvurkhangai. Si è trattato del primo permesso di questo genere concesso ad un ente religioso nella zona, segno della credibilità che i missionari della Consolata hanno acquisito davanti alle autorità nel corso del tempo.
Nel corso degli anni la missione si è sviluppata con attività sociali e progetti dedicati alla formazione, all’aggregazione sociale, al recupero e al sostegno di disagio, insomma, alla valorizzazione della dignità della persona attraverso l’instaurazione di un dialogo aperto nel segno dell’accoglienza e della crescita reciproca.
I Missionari e le Missionarie della Consolata hanno scelto di aiutare la Mongolia attraverso il proprio carisma che li porta a lavorare con coraggio ma anche con la loro concretezza proverbiale. La missione è dura, perché si svolge in un territorio davvero difficile, sia per il clima rigidissimo, che per la diffusa povertà e, non ultime, per le difficoltà burocratiche che i missionari devono affrontare quotidianamente. Eppure, i risultati sono sorprendenti.
Da anni in questo contesto opera Padre Giorgio Marengo, originario di Cuneo ed ora in Italia per un periodo di riposo. Ci porterà la sua testimonianza con una particolare attenzione al progetto Kharkhorin che muove dal profondo desiderio di armonia e dialogo ed  ha portato alla costituzione di un centro di dialogo interreligioso e di ricerca storico-culturale.


Il Centro Missionario Diocesano in collaborazione con la Commissione per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso invita chiunque abbia sostenuto e ancora sosterrà il cammino e la missione di pe. Giorgio lunedì 16 aprile 2018 alle ore 20:45 presso l’aula magna del Seminario Vescovile in via Amedeo Rossi 28.

 

Visualizza Dettaglio
Io sogno l'amore…
Corso per giovani (e giovani coppie) tra i 20 e i 30 anni

È un corso diocesano (inizia venerdì 13 aprile - ore 18.30) strutturato in quattro serate volte ad approfondire la tematica dell’affettività e del legame uomo-donna, esplorata sotto diverse sfaccettature da relatori qualificati. 
Per partecipare si richiede l’iscrizione (n° max 30 persone) ed un contributo spese di 5 euro a persona. 
Per info e iscrizioni rivolgersi a Gilberto e Giulia Manfrin, tel. 340.0567029. 

 

Visualizza Dettaglio
Venerdì 23 marzo Via Crucis cittadina
In memoria dei missionari martiri

Il 24 marzo 1980, mentre celebrava l'Eucarestia, venne ucciso Monsignor Oscar Romero Vescovo di San Salvador nel piccolo Stato centroamericano di El  Salvador.

La celebrazione annuale di una Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri, il 24 marzo, prende ispirazione da quell'evento sia per fare memoria di quanti lungo i secoli hanno immolato la propria vita proclamando il primato di Cristo e annunciando il Vangelo fino alle estreme conseguenze, sia per ricordare il valore supremo della vita che è dono per tutti. 
L’elenco proposto dall’Agenzia Fides per il 2017 conta 23 missionari martiri nel mondo: 13 sacerdoti, 1 religioso, 1 religiosa, 8 laici. A questo elenco va sempre aggiunta la lunga lista dei tanti, di cui forse non si avrà mai notizia o di cui non si conoscerà neppure il nome, che in ogni parte del pianeta soffrono e pagano con la vita la loro fede in Gesù Cristo.

 

L'itinerario di svilupperà dalla Chiesa di Santa Croce alla Cattedrale venerdì 23 marzo, con inizo alle 20.30.

Visualizza Dettaglio
Parole fra continenti
Un evento organizzato dalla Commissione Giustizia e Pace

Dal 12 al 28 di marzo si svolgerà l’evento Parole Fra Continenti 2018, organizzato dalla Commissione Giustizia e Pace della Diocesi di Cuneo in collaborazione con tante realtà del territorio. Il titolo di quest’anno, USCIAMO DALL’INDIFFERENZA, è un invito a guardare al mondo di oggi con fiducia, a costruire relazioni buone e coraggiose per una società più umana, improntata alla solidarietà e all’inclusione.
Incontrerà varie comunità locali il missionario Adriano Sella, responsabile della Rete Interdiocesana dei Nuovi Stili di Vita, autore di vari libri in cui affronta responsabilmente problemi seri, come le migrazioni forzate e le loro cause, l’indifferenza rispetto alle guerre e alle troppe vittime innocenti, invitando ciascuno di noi a rendersi protagonista di un vero cambiamento.


Martedì 13, alle ore 18, nello Spazio Incontri della Fondazione della Cassa di Risparmio di Cuneo, sarà affrontato un tema importante: il carcere. Saranno presenti l’avvocato Maria Brucale, componente Commissione Ministeriale per riforma ordinamento penitenziario, Bruno Mellano, Garante Regionale delle persone private della libertà personale e Mario Tretola, Garante delle persone private della libertà personale per la città di Cuneo.
Se noi chiedessimo a chicchessia che cos’è per lui la pena normale per chi commette delitti, la risposta certamente è: il carcere. La Costituzione Italiana, tuttavia, non identifica la pena con il carcere. La finalità costituzionale della pena non è solo il castigo; è anche la rieducazione o meglio, la socializzazione o risocializzazione del condannato. Tanto è vero che le pene alternative e sostitutive sono previste precisamente per il “recupero” del condannato alla società, impossibile nel regime carcerario, per quanto umanizzato esso possa diventare. Da tempo si riflette di giustizia riparativa, restaurativa, riconciliativa. Parliamone! Nel superare l’indifferenza verso questo mondo si misura il livello di civiltà della nostra società. La riflessione sarà accompagnata da un momento di Teatro Sociale interpretato dalla compagnia “Fuori per caso” dell’associazione Esse o Esse per la regia di Elena Cometti.
Alle ore 16 dello stesso martedì 13, presso la sede della Provincia di Cuneo, Sala Giolitti Corso Nizza 21, si svolgerà una Conferenza Stampa coi tre relatori della serata.

 

Giovedì 15, alle 20.45, al Teatro Toselli di Cuneo, si svolgerà lo spettacolo INVISIBILI dell’artista senegalese Mohamed Ba. “INVISIBILI” è uno spettacolo teatrale che ripercorre il cammino di due cittadini africani che s’incontrano su una spiaggia e cercano a tutti i costi di sopravvivere agli incubi della povertà sognando una vita migliore dall’altra parte della barriera. Guidati da un narratore, ci inoltreremo nelle memorie di un popolo passato dalla schiavitù fisica alla schiavitù degli aiuti. In questo spettacolo, Mohamed BA è contemporaneamente il custode della tradizione africana e il rinnovatore che canta le contraddizioni storiche, sociali e politiche del continente nero.


Sabato 17, alle 17.30, nello Spazio Incontri della Fondazione della Cassa di Risparmio di Cuneo, Cinzia Guaita, portavoce del “Comitato riconversione RWM” di Iglesias, Paolo Candelari, coordinatore del Comitato campagna x il bando delle armi nucleari di Torino e Claudia Aceto, per anni responsabile Caritas Mondialità e ora membro di DiEM26 ‐ Movimento per la democrazia in Europa, dialogano su Pace, Nonviolenza e Giustizia. In questo incontro e negli altri precedenti sarà raccolta l’adesione alla Campagna: Italia, ripensaci! Per sostenere l’adesione del numero più grande di Paesi possibili, in primo luogo l’Italia, al trattato sulla proibizione delle armi nucleari.


La Mostra: “IN FUGA DALLA SIRIA, se fossi costretto a lasciare il tuo paese cosa faresti?” ‐ a Cuneo dal 17 al 20 marzo (Via A. Rossi 28) e a Fossano dal 23 al 28 marzo (Via Garibaldi 70) ‐, illustra bene l’obiettivo generale che anima questa edizione di parole Fra Continenti: attraverso l’informazione e la formazione far fermentare una cultura della responsabilità, della prossimità, stabilendo una ampia alleanza contro l’indifferenza, contro ogni indifferenza.

 

Don Flavio Luciano
Commissione Giustizia e Pace
Per informazioni e Contatti: Don Flavio Luciano tel. 342 3967580

Visualizza Dettaglio
E.R. 2018
Al via le iscrizioni al corso di formazione

Ragazzi, siete pronti per l'estate? Non ancora? Avete ancora il piumino e le scarpe antineve? Non preoccupatevi, ci pensiamo noi a far salire la temperatura!

Inizia anche quest’anno il corso di formazione per gli animatori di Estate Ragazzi.
Il corso di formazione AER è l’occasione giusta per riflettere, imparare, inventare, ingegnarsi e, perché no, fare anche nuove conoscenze! Dai, che fai? Ci stai ancora pensando? Metti via gli sci, prendi carta e penna, leggi attentamente e compila il modulo di iscrizione. Stai pur certo
che non te ne pentirai!

Visualizza Dettaglio
SEGRETERIA E AMMINISTRAZIONE
Via Roma, 7 - 12100 Cuneo
Tel. 0171 693 523 - Fax 0171 602 565
E-mail info@diocesicuneo.it

VAI AI SITI

NEWS DAGLI UFFICI PASTORALI

NEWS DALLA CARITAS