NEWS DALLA CANCELLERIA

In Primo piano

La gioia dell'amore e la vocazione del prete diocesano
Settimana Residenziale Clero

A San Bartolomeo al mare dal 22 al 26 gennaio 2018. Il tema si ispira alla lettera di papa Francesco, Amoris Laetitia e intende collegare il ministero del prete e la sua identità personale all’esperienza dell’amore umano. Il ministero del prete con le famiglie gli fa vedere la grazia e la fragilità dell’amore umano (filiale, sponsale, materno, paterno, fraterno …) e gli fa scoprire la propria collocazione peculiare di uomo celibe. Il prete celibe non è estraneo all’amore umano, ma ne partecipa in modo particolare. Questa sua posizione richiede una grazia speciale e mette in conto anche sofferenze e difficoltà.
Nel corso della settimana residenziale si intende aiutare il clero diocesano a riflettere sulla propria esperienza per dare una nuova consapevolezza della vocazione personale. 
La Chiesa, con gli ultimi papi in particolare, dà una nuova priorità alla famiglia come soggetto e destinataria del Vangelo e legge in questo un segno dei tempi, una missione epocale. L’enfasi sui legami famigliari affettivi e sociali contrasta la cultura dominante nel mondo occidentale, che evidenzia l’individualità e relativizza molto i legami famigliari sul piano sociale. 
Il prete diocesano, nella sua condizione di uomo celibe, è spesso provato da questa cultura della realizzazione individuale. E’ accentuata in lui la sofferenza per la solitudine, per la mancanza di paternità e di sponsalità. Da alcuni decenni soffre una radicale crisi di identità e vede una drastica diminuzione di vocazioni al ministero collegate anche alle difficoltà culturali sul celibato.
La nuova enfasi data all’amore sponsale, in particolare con Amoris Laetitia, può avere due esiti opposti: il primo è accentuare la frustrazione e la sofferenza del prete, che, in ragione del celibato, resta fuori dall’esperienza sponsale; il secondo esito possibile è una riscoperta della propria vocazione proprio collocandosi dentro i legami umani dell’amore e a servizio di essi. Al di là di ingenue idealizzazioni o di sublimazioni disumane, si apre una possibilità di maturazione personale e di guarigione dalle ferite dovute ai limiti umani di ogni stato di vita. 

 

Visualizza Dettaglio
Famiglia credi in ciò che sei
Incontri interdiocesani per sposi e famiglie

Gli Uffici Famiglia delle diocesi di Alba, Cuneo, Fossano, Mondovì e Saluzzo propongono un cammino alla riscoperta del Sacramento delle Nozze, invitando al confronto relatori di alto spessore qualitativo e fama nazionale. All'interno dettagli e programma.

 

L’attenzione di quest’anno sarà data al tema del "discernere" (cfr. Amoris Laetitia)
Gli incontri si terranno al Centro Diurno Santa Chiara a Fossano, in via Villafalletto 24 (subito fuori Fossano, sulla provinciale sp148 per Villafalletto).

Visualizza Dettaglio
Cosa è cambiato con Amoris laetitia?
Un incontro con Paolo Tassinari sul delicato capitolo 8

Ad un anno e mezzo dalla pubblicazione del testo frutto del Sinodo dei Vescovi e a firma di Papa Francesco, come si sta rinnovando l’agire della comunità cristiana in riferimento alla famiglia, in ogni sua diversa sfaccettatura? In modo particolare, cosa è cambiato in riferimento a chi dopo una separazione o un divorzio ora vive una nuova unione di coppia nella forma della convivenza o del matrimonio civile?
Gli Uffici di Pastorale Familiare delle Diocesi di Fossano e di Cuneo, vogliono tenere alta l’attenzione su tematiche che coinvolgono tantissime persone che abitano il nostro territorio, e che desiderano riscoprire la compagnia della Chiesa nella loro quotidianità, offrendo la possibilità della lettura e del commento del capitolo 8 di Amoris laetitia a loro dedicato. Paolo Tassinari, diacono permanente e responsabile del progetto diocesano “L’anello perduto”, offrirà “un affondo” nel capitolo che forse ha destato maggiore dibattito nell’opinione pubblica ed ecclesiale. 
L’incontro si terrà il 17/11 a Fossano e, in replica, il 28/11 a Cuneo.

Visualizza Dettaglio
Con separati, divorziati e coppie in nuova unione
Venerdì 10 novembre, ore 21, in seminario

Riprende il cammino spirituale di preghiera e dialogo con separati, divorziati, conviventi, risposati, anche quest’anno strutturato in cinque appuntamenti serali già programmati: tre incontri in autonomia a Cuneo (venerdì 10/11, 26/1 e 20/4) e due partecipando alle celebrazioni di Avvento (venerdì 15/12 a San Sebastiano di Fossano) e di Quaresima (sabato 10/3 a Fossano) organizzate dal progetto L’anello perduto, coordinato da Paolo Tassinari. 
I tre incontri che si terranno a Cuneo avranno per filo conduttore l’icona del Seminatore al tramonto (da un quadro di Vincent van Gogh) e, nell’ordine, i tre atteggiamenti presi a prestito dal titolo dato al percorso: “Seminare, pazientare e fruttificare nella fede”. 
Il primo appuntamento è quindi venerdì 10 novembre, ore 21, nei locali del Seminario (via Amedeo Rossi 28), ed è aperto a tutti coloro che vogliono ritrovarsi insieme a pregare e riflettere sugli spunti della Parola di Dio.

 

Per info: Tommy 3475319786 oppure don Roberto Gallo 3295960716 – e-mail: ufficiofamiglia@diocesicuneo.it
 

Visualizza Dettaglio
La Chiesa Cattolica in Italia
La "Tre Giorni di Studio" a Fossano promossa dalla STI e dall'ISSR di Fossano

Più di venti anni fa, il teologo francese Ghislain Lafont scrisse un libro, intitolato significativamente “Immaginare la Chiesa cattolica”. Era il tentativo coraggioso, in epoche non certo facili per la teologia, di ripensare l’immagine di Chiesa alla luce del Concilio e della cultura in forte cambiamento. Venti anni più tardi, dunque oggi, Papa Francesco scrive l’esortazione apostolica Evangelii Gaudium, un vero e proprio manifesto del suo pontificato, chiedendo alla comunità cristiana un rinnovamento in radice, come una nuova e creativa tappa di recezione del Vaticano II.

Che cosa succede, dunque, attualmente nella Chiesa italiana? Che cosa è accaduto nell’immediato passato? A che punto siamo nel processo di ripensamento della fede cristiana e della testimonianza ecclesiale che ne consegue? Quale senso e futuro per il cristianesimo in Italia?

Se ne parlerà l’8, il 9 e il 10 novembre durante la tradizionale “Tre Giorni di Studio” promossa dallo Studio Teologico Interdiocesano e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Fossano. Nel salone della scuola, presso il seminario vescovile di viale Mellano 1, interverrà la prima sera lo storico Maurilio Guasco, per un’analisi storica sull’argomento; la seconda sera, lo sguardo sociologico verrà affidato a Luca Diotallevi; si concluderà con un intervento a due voci, quella di don Roberto Repole, teologo di Torino, e quella di Paola Bignardi, già presidente nazionale dell’Azione Cattolica, sulle prospettive attuali e future della Chiesa in Italia. L’orario prevede l’inizio alle 19.30 e la conclusione alle 22.30, con la possibilità di pasto a buffet.

Oltre ai docenti e agli alunni della scuola di teologia, l’invito è allargato a tutti coloro che desiderano leggere la storia delle nostre Chiese non con nostalgia, ma con il desiderio creativo di contribuire con coraggio al loro odierno rinnovamento, secondo il compito che la Evangelii Gaudium ha affidato all’intera comunità cristiana.

Don Gianluca Zurra

 

(Notizia Dal sito della Diocesi di Alba)

Visualizza Dettaglio
Avvento 2017
Itinerario dei bambini e dei ragazzi per vivere l'Avvento e il Natale 2017

Care famiglie,
ecco anche quest’anno il Tempo di Avvento: poco più di venti giorni per prepararci alla venuta di Gesù. Un Dio (il Figlio) che è “uscito” dall’intimità divina ed è entrato in questo mondo per condividere la nostra umanità, darle un senso e renderla sempre più bella. 
Questo libretto è uno strumento, da usare con la massima libertà e creatività, adattandolo alla vostra situazione familiare; ogni giorno sarete invitati a gustare una Parola di Dio, a dire una preghiera e a prendervi un piccolo impegno concreto per essere, seguendo i diversi slogan, dei veri “cristiani in uscita”: ce lo chiede quest’anno il nostro vescovo Piero, ma da tempo anche papa Francesco e, da sempre, il Vangelo! 
Uscire da noi stessi per accogliere gli altri e per andare incontro a loro donando luce non è solo un’azione fisica, ma prima di tutto un movimento interiore, un atteggiamento che viene dal cuore, che porta ad aprire gli occhi, allargare l’orizzonte per “sapere accorgerci” e farci vicini a tutti coloro che hanno bisogno di noi; per questo, nell’ultima settimana, vi invitiamo a considerare “in uscita” tutte le parti del nostro corpo!
Ogni domenica, a Messa, riceverete un lumino di colore (e profumo) diverso per la vostra lanterna, simbolo dell’amore di Dio che vince l’oscurità e ci guida con la sua luce, grazie alla quale vediamo e siamo visti.
La luce di Gesù illumini le vostre giornate e le colori (cfr. preghiere della tavola).

Buon cammino! 

 

Visualizza Dettaglio
Nuovo volto alla "Casa Migrantes"
Un'iniziativa della Pastorale Migrantes

L’ufficio pastorale  “ Migrantes” anche quest’anno ha seguito in particolare  le comunità cattoliche  dei migranti da Filippine, Sri Lanka, Albania e dai paesi dell’Africa e Sud America con la celebrazione della Messa in varie lingue e altri momenti festivi. Il lavoro svolto tutto l’anno si è concluso con il “Pellegrinaggio dei Popoli” a Novara l’11 Giugno 2017 con il tema : Abitare in Italia sfide e opportunità per la fede.  

La Migrantes si adopera per favorire l’aggregazione e sensibilizzare le comunità locali sull’accoglienza e integrazione all’interno delle comunità come punto di forza e sostegno reciproco sia religioso che etnico e con altre associazioni.

Negli ultimi tre anni c’è stato un aumento degli arrivi dei richiedenti asilo sul territorio e la Migrantes ha offerto servizi di informazione e sostegno per i nuovi arrivati. Secondo le loro richieste ha seguito in particolare anche la formazione sia pastorale che insegnamento della lingua italiana.

Questo percorso ha portato vari migranti, la maggior parte di nazionalità nigeriana, a ricevere i sacramenti alla Veglia Pasquale. Celebrazioni molto partecipate nelle parrocchie come ad Entracque dove i parrocchiani hanno accompagnato e festeggiato i ragazzi .
I ragazzi, richiedenti asilo, che hanno frequentato la “ Casa Migrantes” durante l’anno si sono affezionati e hanno voluto dare una mano nella preparazione dei nuovi locali sotto la guida di don Beppe Costamagna direttore della Migrantes .

 

Siete tutti invitati domenica 29 ottobre alle ore 16.00 a partecipare alla celebrazione eucaristica di tutte le comunità Migranti e l’inaugurazione dei locali con un nuovo volto accogliente presso “ Casa Migrantes “ in corso IV Novembre nr. 13 Cuneo.
 

Visualizza Dettaglio
SEGRETERIA E AMMINISTRAZIONE
Via Roma, 7 - 12100 Cuneo
Tel. 0171 693 523 - Fax 0171 602 565
E-mail info@diocesicuneo.it

VAI AI SITI

NEWS DAGLI UFFICI PASTORALI

NEWS DALLA CARITAS